Liberalismo Whig

visto da Tullio Pascoli

Archivi agosto de 2004

DEMAGOGIA E CORPORATIVISMO

L’Arma Della Retorica


Sono passati gli anni e continuano a passare anche i decenni ed una certa folta folla non sembra disposta a rinunciare di arrendersi alla demagogia; essa non cessa di fare il solito ambiguo gioco dei capipopolo di turno e dell’ abile opportunista corporativismo di piantone. Come mai un popolo con la nostra creatività non riesce ad imparare qualcosa di più dalle lezioni dell’ empirica esperienza? (continua…)

IL FEDERALISMO E GLI ITALIANI

Uniti e confederati

E’  tornato di attualità pure Cavour; colui che voleva fare gli Italiani. Come? Non si sa; cambiandoli, naturalmente. Ma, ci si può illudere di cambiare un Popolo con un colpo di bacchetta magica, o forzandolo a rinunciare alla propria identità, alla propria indole? La magia non è riuscita in fondo nemmeno a Mussolini che ci aveva creduto. Pur ascoltato ed osannato, alla fine, si era rassegnato pure lui, dicendo che convincere gli Italiani non era difficile, ma solo inutile. Infatti, i risultati ottenuti erano superficiali, illusori o solo virtuali. Credeva d’ingannare gli Italiani e questi facevano finta di credergli. Alla prima occasione, gli hanno girato le spalle, festeggiando il macabro evento, in piazza ed anche in modo del tutto indegno. Eppure, un lento e continuo cambiamento è pur sempre inevitabile; tuttavia, attendersi che da un giorno all’altro gli Italiani diventino esemplari cittadini disciplinati come gli Inglesi, organizzati come i Tedeschi, eruditi come i Francesi etc. etc. è pretendere un po’ troppo. (continua…)

Categorie

Ultimi

Ultimi Commentari





    >>> AUTORI LIBERALI (le loro Opere)



    ADM