Liberalismo Whig

visto da Tullio Pascoli

Archivi settembre de 2013

AMBIENTALISMO, RETORICA E MILITANZA

I Pragmatici e gli Idealisti…

Pubblicato pure su www.pensalibero.it

Pubblicato pure su www.politicamagazine.it

La pubblicazione dell’intervista di Antonio Zichichi data a Gianluca Veneziani su LIBERO a proposito delle responsabilità umane per l’inquinamento ed il riscaldamento globale, in cui il prestigioso scienziato italiano ridimenziona l’ormai usurato paradigma tanto caro ai teorici ambientalisti, chiarisce infatti che per la scienza i fenomeni dei cambiamenti meteorologici non dipendono dall’azione umana; perciò, mi pare una buona occasione per riproporre una mia pubblicazione di qualche tempo fa:

Ormai, ad ogni giorno che trascorre, i media ci assediano con drammatizzazioni sui cambiamenti che da qualche decennio il clima subisce; ed in modo indiscriminato indicando gli industriali come principali responsabili, i quali – anche se non tutti, per un certo periodo – in rapporto a conservazione e rispetto dell’ambiente, effettivamente, si sono mostrati negligenti; ciò che, naturalmente, aiuta ad eccitare acriticamente risentimenti popolari, soprattutto, fra i meno preparati, oltre agli abituali adepti del culto dell’ invidia. In questo contesto, quindi, i soliti eterni oppositori dell’economia di mercato, i negazionisti del circolo virtuoso dello sviluppo, gli avversari del progresso, del consumismo, ed insomma della modernità, intervengono attivamente, mettendo sotto accusa ogni genere d’innovazione e sentenziano, in maniera particolare, contro l’evoluzione tecnologica, condanne contro il cambiamento che in questi anni anche nel campo della ricerca genetica, si è riusciti a raggiungere, beneficiando anche le tecniche delle colture e con ciò l’economia agricola stessa. Del resto, se vogliamo migliorare ed aumentare la produzione agricola, ridurre l’impatto sulla natura, assicurando alimenti alle moltitudini non solo di oggi ma anche di domani, non possiamo nemmeno rinunciare agli esperimenti scientifici che il settore richiede. (continua…)

ELOGIO DEI MODERATI

QUANDO ABBIAMO SMESSO DI PENSARE? di Irshad Manji (Recensione)

L’Islam moderato contro quello radicale

Pubblicato pure su www.politicamagazine.it

Sono un incurabile sostenitore delle diversità e dei valori che da queste derivano; infatti, tutti gli individui nascono e crescono in momenti, ambienti e luoghi particolari; sviluppano esperienze con sensibilità e sentimenti specifici che permetteranno di vedere, concepire ed interpretare la realtà in maniere sempre del tutto differenti, anzi, uniche. In fondo, noi non interpretiamo la realtà sempre allo stesso modo; mentre tutto cambia attorno a noi, realizziamo ogni giorno nuove esperienze e di conseguenza concepiamo nuovi riflessi ed aspetti della realtà in costante mutazione.

Di fatto, nella loro convivenza, gli individui affrontando problemi, ostacoli e conflitti sempre diversi; nei propri dubbi cercano e trovano risposte e soluzioni che considerano adeguati in tempi e modi distinti; allora, nascono concezioni, lingue, culture, tradizioni, e perfino gastronomie speciali che tendono a rinnovarsi; insomma, formando  identità tipiche, ognuna delle quali in grado di colmare deficienze, costituendo un insieme di “complementi” compensatori delle lacune e dei limiti che caratterizzano ogni singola collettività, Nazione ed etnia. Così, nella loro opportuna e necessaria interazione, ognuno di questi può apportare un suo piccolo granello di sabbia a contributo dell’insieme e, di riflesso, anche ai cambiamenti ed allo sviluppo continuo, di nuove conoscenze peculiari che vengono ad arricchire non solo il singolo, ma aggiungono ed uniscono valore a tutto il patrimonio cognitivo dell’umanità intera. (continua…)

Categorie

Ultimi

Ultimi Commentari





    >>> AUTORI LIBERALI (le loro Opere)



    ADM