Liberalismo Whig

visto da Tullio Pascoli

Archivi settembre de 2015

DIVERSI, MA NON TROPPO

Pubblicato pure su www.liberalcafe.it

Pubblicato pure su www.politicamagazine.it

3 NEW DEAL di Wolfgang Schivelbusch (Recensione)

Sinistri e Destri accumunati.

Per i soliti simpatizzanti degli interventi pubblici nell’economia, la nota onda riformatrice del presunto virtuoso New Deal, a suo tempo, imposta negli Stati Uniti dal presidente Franklin Delano Roosevelt, sono ancora oggi considerati un utile esempio che la politica statalista dovrebbe seguire. Il poco ortodosso personaggio, invece, con quelle sue astratte misure, più retoriche che pragmatiche, lungi dal correggere le vere cause della crisi, invece di sanare gli effetti della Grande Depressione, impressionato dalle allora controverse trasformazioni e tendenze in corso in Europa – per le quali egli aveva nutrito un entusiasmo per niente celato -, non aveva fatto altro che condizionare ulteriormente la già depressa economia americana.

Lo fanno notare, fra gli altri, diversi importanti economisti che in distinte analisi hanno concluso che con quelle iniziative, amministrando al male un rimedio sbagliato, invece di ricorrere agli antidoti più adeguati, aveva solo allungato la difficile “convalescenza” della grave crisi che si era formata durante la gestione del suo predecessore e che poi si era allargata praticamente al mondo intero. (continua…)

GLOBALIZZAZIONE VIRTUOSA

Pubblicato pure su www.liberalcafe.it

Pubblicato pure su www.pensalibero.it

ELOGIO DELLA GLOBALIZZAZIONE di Jagdish Baghwati (Recensione)

L’autore indiano di questo illuminante saggio è uno dei più prestigiosi economisti del nostro tempo; già accademico presso l’importante Università americana MIT (Massachusetts Institute of Technology), è altrettanto noto per le sue intransigenti posizioni favorevoli al libero commercio ed è conseguentemente pure un determinato oppositore dei protezionismi e contrario ai modelli economici che certi governi adottano, per aver egli stesso conosciuto dal vivo gli errori commessi da governanti come Indira Gandhi che nella sua poco costruttiva amministrazione ha oltremodo ritardato lo sviluppo del proprio Paese, ricorrendo alle sue notorie politiche autarchiche dalle quali l’India si sta riprendendo solo in questi ultimi anni di lente liberalizzazioni dell’economia, quando questo gigante asiatico è anche uno dei più ricchi Paesi in materia di risorse di capitale umano. (continua…)

Categorie

Ultimi

Ultimi Commentari





    >>> AUTORI LIBERALI (le loro Opere)



    ADM