ECCO I NEOGIACOBINI

Come avvoltoi affamati, i soliti politicanti populisti di turno, prendono un passaggio, saltando sul carro inquisitorio e si avventano contro capri espiatori come se fossero carogne da sbranare, affinché i tribuni possano sfruttate l’opportunità di presentarsi come i veri difensori dei presunti interessi della collettività…

Il popolo con gli occhi pieni di sangue, mossi dall’odio che germina nell’invidia, allora, applaude e chiede giustizia e la pubblica condanna, magari in piazza pubblica, a prescindere da ciò che prevede la Legge, anche in mancanza delle ghigliottine, senza chiedersi, tuttavia, come certe disgrazie si originano. Vogliono vendetta, punto e basta!

Ma, ovviamente, ci sono i soldi di mezzo e come insegna la nostra religione, il denaro è lo sterco di Satana; non lo è solo per una Chiesa che storicamente costruisce le sue cattedrali sulle basi dell’ipocrisia.

Sì, proprio così, perché i politicanti per presentarsi come degli illibati santi del momento, per promuovere se stessi e mascherare le proprie incompetenze, devono poter scaricare le proprie responsabilità su qualcuno e nessuno è più adeguato di chi ”sfrutta” i poveri solo per il dio lucro ed arricchirsi ulteriormente.

È la cultura dell’invidia della nostra religione che non ammette che l’imprenditore “nemico” copra i propri rischi delle sue iniziative con dell’utile; dovrebbe farlo per vocazione, come – si presume – lo farebbero i politicanti tanto abili con la loro retorica.

Ecco un’eccellente occasione per scagliarsi contro l’odiata iniziativa privata, magari, per esautorarla e tornare al passato, statalizzando, perché la divinità dello Stato sta al di sopra di tutto, naturalmente… come se la gestione da parte del potere pubblico fosse esente da interessi particolari; come se fosse più efficiente.

Non importa se ponti e strade nel Sud, quelle sì, gestite dal potere politico cedono, pure, nonostante il traffico sia infinitamente minore; così, non interessa se ponti, viadotti sulle autostrade – anche recentemente – hanno ceduto senza che gli eterni noti politicanti, aspiranti tribuni (maestri di retorica), dessero una minima enfasi a quei casi; per la propria opportuna promozione mancavano gli utili privati “ricchi sfruttatori” da ora poter accusare e da dare in pasto agli altri avvoltoi affamati…