Liberalismo Whig

visto da Tullio Pascoli

Archivi categorie Contributi

FEDERALISMO TRADITO

Pubblicato pure su www.liberalcafe.it

Pubblicato pure su www.politicamagazine.it

IL MANIFESTO DI VENTOTENE di Altiero Spinelli ed Ernesto Rossi (Recensione)

L’Europa di pochi…

Nato e cresciuto non lontano dai confini del nostro caro Paese, convivendo intimamente con due culture totalmente distinte, comunicando con i parenti in una lingua, praticandone un’altra in famiglia, ho sempre coltivato l’idea che le differenze etniche, linguistiche e di identità – al pari delle differenze genetiche – che ci distinguono, non sono ostacoli capaci di dividerci in confronti antagonistici, bensì particolari caratteristiche che dovrebbero costituire, invece, utili punti d’incontro fra diversi che ci possono, al contrario, unire e che, se proprio non ci completano, almeno, aggiungono reciprocamente valore e, pertanto, nella misura in cui assimiliamo o trasferiamo parte di tali proprietà, ci possono rendere sicuramente più ricchi; infatti, il patrimonio più importante che un individuo – e di riflesso la comunità – possiede è la conoscenza che, in un circolo virtuoso aumenta e valorizza ulteriormente le stesse diversità; è quello che i liberali chiamano “Capitale Umano”. (continua…)

DIVERSI, MA NON TROPPO

Pubblicato pure su www.liberalcafe.it

Pubblicato pure su www.politicamagazine.it

3 NEW DEAL di Wolfgang Schivelbusch (Recensione)

Sinistri e Destri accumunati.

Per i soliti simpatizzanti degli interventi pubblici nell’economia, la nota onda riformatrice del presunto virtuoso New Deal, a suo tempo, imposta negli Stati Uniti dal presidente Franklin Delano Roosevelt, sono ancora oggi considerati un utile esempio che la politica statalista dovrebbe seguire. Il poco ortodosso personaggio, invece, con quelle sue astratte misure, più retoriche che pragmatiche, lungi dal correggere le vere cause della crisi, invece di sanare gli effetti della Grande Depressione, impressionato dalle allora controverse trasformazioni e tendenze in corso in Europa – per le quali egli aveva nutrito un entusiasmo per niente celato -, non aveva fatto altro che condizionare ulteriormente la già depressa economia americana.

Lo fanno notare, fra gli altri, diversi importanti economisti che in distinte analisi hanno concluso che con quelle iniziative, amministrando al male un rimedio sbagliato, invece di ricorrere agli antidoti più adeguati, aveva solo allungato la difficile “convalescenza” della grave crisi che si era formata durante la gestione del suo predecessore e che poi si era allargata praticamente al mondo intero. (continua…)

Categorie

Ultimi

Ultimi Commentari





    >>> AUTORI LIBERALI (le loro Opere)



    ADM